La biblioteMaira sta leggendo

martedì 24 luglio 2012

La "filìa"...e il cerchio di un Prete.

Certi giorni vanno così. Apri un vaso e dirompenti escono i venti di notizie che vorresti cacciare, soffiare via con tutte le tue forze. 
Ho appena saputo che è morto Don Attilio, il professore di matematica che ha accompagnato anni della mia vita con la sua burbera ironia, anche quando non insegnava più nella mia classe. Una retta tangente all'iperbolico entusiasmo dei miei 18 anni, un assioma incrollabile da conservare nel cuore e nella mente, un'espressione che ci ha insegnato ad affrontare le incognite della vita.
Proprio ieri ho letto con indignazione dell'ennesimo caso di preti pedofili, uomini errati, uomini non Uomini. Con tanta più forza ora voglio dire che ci sono ancora Uomini che hanno dedicato ai giovani la loro vita, a volte travagliata, senza chiedere in cambio nulla, senza ipocrisie, senza sotterfugi. Solo ed esclusivamente per quel sentimento che i Greci chiamavano φιλία, "Amore" immateriale, amicizia della vita e del prossimo senza chiusura di cuore.
Mi sembra impossibile: la settimana scorsa hanno regalato ai miei figli due "marenghi d'oro" e mi è affiorato spontaneo il ricordo delle interrogazioni di matematica, quando don Agostini chiamava il malcapitato di turno con una delle sue frasi celebri: "Vei chi, che te dago en marengo d'oro!".  I motti di "Attila", passato alla storia per la sua apparente inflessibilità, hanno inciso la memoria di generazioni di studenti. 
Superati gli spigoli, don Attilio appariva rotondo, accogliente, giusto. Come un teorema, che una volta trovata la via della dimostrazione si apre in tutta la sua meravigliosa semplicità. Un uomo delle montagne, fatto di roccia e di vento, saldo e maestoso nella sua severità.
Il ricordo più caro che ho di lui è una ricreazione passata vicino alla finestra a parlare. Appena rientrata da un anno trascorso in Germania, ero in crisi per l'imposizione improvvisa della scuola di recuperare con un esame tutte le materie dell'anno "perduto" ed ero stata attaccata da più fronti per la mia decisione di partire. Lui, il matematico circolare dalla mente aperta, è stato uno dei pochi che mi hanno sostenuta  e lo ha fatto spiegandomi che le nozioni non valgono mai quanto un tempo di nuove esperienze. Lui, il professore severo con chi non studiava, mi ha insegnato a non farmi abbattere da quello che pensano gli altri. L'amore per la vita implica, inesorabilmente, di viverla in pieno. Senza rimpianti.
Capita ancora che le persone fraintendano il mio modo di essere, che nei miei entusiasmi trovino malizia, o che nella φιλία scorgano altro. Sono i Maestri che ho incontrato nel mio cammino che mi hanno insegnato ad andare a testa alta, ad affrontare il mondo con il sorriso senza paura di quello che gli altri vi possano scorgere. Non ho imparato la capacità di affrontare le espressioni a troppe incognite, non ho imparato il calcolo veloce, la comprensione immediata dei problemi troppo complicati per me. Ho imparato però l'arte della pazienza, dell'ascolto, dell'analisi imparziale dei dati, dell'accettazione delle infinite possibilità. Tutto è relativo, certo, ma le stelle fisse non si muovono. I punti di riferimento restano imperturbabili e mi ci abbarbico con la forza disperata di un naufrago.

Domenica ho cercato e ascoltato a più riprese questa canzone di Branduardi: ora so che non è stato un caso. Sali alto sopra le tue montagne, cuore di Matematico; lascia la zavorra dei tuoi mali e non dimenticarti i marenghi d'oro. Ti riempia le tasche l'oro di tutti i sorrisi che hai provocato e di tutte le lacrime che chi ti ha amato non può trattenere ora. Il cerchio non si è chiuso; ha aperto le sue braccia diventando retta, un'infinita retta da percorrere con Speranza. Fede. Φιλία.

venerdì 13 luglio 2012

Gratias a la vida!

Servirebbe un vocabolario fatto di parole silenziose e dense per scrivere la poesia dei sette giorni appena trascorsi. Da un libro sono partite riflessioni su cosa conta realmente e i pensieri hanno preso il volo sulle ali della musica di Joan Baez, che ho avuto il privilegio di ascoltare dal vivo a Trento. Le note di pace e amore, di vita e natura hanno trovato eco tra le mie montagne che negli scorsi giorni mi hanno coccolato: la Vallestrè ci ha accolti con i suoi pascoli, il lago di Nembia ci accarezzato con la sua aria fresca, Deggia ci ha abbracciati con la sua ombra luminosa.
Ieri a Deggia è stata una giornata piena di poco: di chiacchiere, risate, luci di bambini. Mani che lavorano, occhi che riflettono, orecchie aperte. Proprio lì negli ultimi tempi ha trovato dimora uno degli orsi e ieri per la prima volta mi sono sentita in armonia perfino con lui, che ha avuto la disgrazia di imbattersi in turisti che l'hanno visto bianco come una qualsiasi pecorella. Ora me lo immagino vagare per i nostri boschi con crisi di identità, cercando uno specchio per accertarsi di non essersi trasformato in un orso polare. 
Donne che ridono, donne che lavorano, donne che immortalano con un clic di cuore ogni momento vissuto insieme in semplicità. A loro voglio regalare questa canzone che meglio delle mie chiacchiere riassume il senso delle mie emozioni. 
Anche Cinciarella e Lara dicono la loro sul tempo passato insieme ieri!

video

"GRACIAS A LA VIDA", JOAN BAEZ

Gracias a la Vida que me ha dado tanto
me dio dos luceros que cuando los abro
perfecto distingo lo negro del blanco
y en el alto cielo su fondo estrellado
y en las multitudes el hombre que yo amo.

Gracias a la vida, que me ha dado tanto
me ha dado el oido que en todo su ancho
graba noche y dia grillos y canarios
martillos, turbinas, ladridos, chubascos
y la voz tan tierna de mi bien amado.

Gracias a la Vida que me ha dado tanto
me ha dado el sonido y el abedecedario
con él las palabras que pienso y declaro
madre amigo hermano y luz alumbrando,
la ruta del alma del que estoy amando.

Gracias a la Vida que me ha dado tanto
me ha dado la marcha de mis pies cansados
con ellos anduve ciudades y charcos,
playas y desiertos montañas y llanos
y la casa tuya, tu calle y tu patio.

Gracias a la Vida que me ha dado tanto
me dio el corazón que agita su marco
cuando miro el fruto del cerebro humano,
cuando miro el bueno tan lejos del malo,
cuando miro el fondo de tus ojos claros.

Gracias a la Vida que me ha dado tanto
me ha dado la risa y me ha dado el llanto,
así yo distingo dicha de quebranto
los dos materiales que forman mi canto
y el canto de ustedes que es el mismo canto
y el canto de todos que es mi propio canto.




GRAZIE ALLA VITA

Grazie alla vita che mi ha dato tanto,
mi ha dato due stelle che quando le apro
perfetti distinguo il nero dal bianco,
e nell'alto cielo il suo sfondo stellato,
e tra le moltitudini l'uomo che amo.

Grazie alla vita che mi ha dato tanto,
mi ha dato l'ascolto che in tutta la sua apertura
cattura notte e giorno grilli e canarini,
martelli turbine latrati burrasche
e la voce tanto tenera di chi sto amando.

Grazie alla vita che mi ha dato tanto,
mi ha dato il suono e l'abbecedario
con lui le parole che penso e dico,
madre, amico, fratello luce illuminante,
la strada dell'anima di chi sto amando.

Grazie alla vita che mi ha dato tanto,
mi ha dato la marcia dei miei piedi stanchi,
con loro andai per città e pozzanghere,
spiagge e deserti, montagne e piani
e la casa tua, la tua strada, il cortile.

Grazie alla vita che mi ha dato tanto,
mi ha dato il cuore che agita il suo confine
quando guardo il frutto del cervello umano,
quando guardo il bene così lontano dal male,
quando guardo il fondo dei tuoi occhi chiari.

Grazie alla vita che mi ha dato tanto,
mi ha dato il riso e mi ha dato il pianto,
così distinguo gioia e dolore
i due materiali che formano il mio canto
e il canto degli altri che è lo stesso canto
e il canto di tutti che è il mio proprio canto.

Grazie alla vita che mi ha dato tanto.


sabato 7 luglio 2012

Telaio mezzo pieno (dopo il mezzo vuoto)...

Ci sono voluti cinque mesi per mettere al mondo questo post, tra bozze abortite e fotografie lasciate a prender la polvere. Di cinque mesi ho avuto bisogno per capire che il tempo mancante o la pigrizia sono state solo scuse accampate per mettere in prigione le parole, per imbrigliare la voglia di mettere parti di me in semi lanciati nel mondo.
Avrei voluto scrivere dell'arte della tessitura, di cui la mia amica Cinciarella mi ha insegnato con pazienza i rudimenti. Sentivo naturale il paragone con la vita, con il suo andare e venire, i suoi colori, le sue cesure. Avrei voluto parlare del Tessitore che intreccia i fili delle nostre anime e ne fa tappeti di storie. Il Tessitore che "davanti all'orditoio fa scorrere tra le mani il prezioso filo di secondi intrecciati e con movimenti esperti crea incroci a forma di infinito. Il bandolo che sguscia dalle sue dita alla fine della matassa viene fermato con un nodo, colonna d'Ercole che protegge dal vuoto. Con immensa cura ogni filo trova la sua collocazione sul telaio, con tensione adeguata e lunghezza perfetta". Ho iniziato a scrivere dei fili buoni e di quelli che si spezzano, della forza dell'ordito e della variabilità della trama. Come Penelope non ho mai portato a termine questo piccolo stralcio di vita. Perché?
Ora ho capito che per mesi ho avuto il terrore di perdere le mie parole. Ho scritto per dovere, ho scritto per me, ho scritto per svuotare invece che per riempire. Ho accumulato mucchi di parole non scritte in un deposito sulla collina, intoccabile e inarrivabile, perché più nessuno potesse scalfire il mio tesoro, quello che le parole esprimono. Perché nessuno potesse più tirare il bandolo e distruggere in un secondo il senso del lavoro. Perché non ci fossero più frantendimenti a inquinare i miei entusiasmi.
Poi ho ricevuto delle scuse, di cui non pensavo di avere bisogno. E ho capito che non è da me risparmiarmi, che non posso chiudermi in cassaforte per paura che gli altri non capiscano, che non posso stare senza entusiasmarmi di fronte alle persone che in qualche modo rientrano tra i fili di colore complementare al mio. Sono gialla, irrimediabilmente gialla. Il mio filo stona, irrita, non sta bene con tutto. Posso esaltare i colori che ho vicino, purchè non cerchino di spegnermi a forza. So stare anche con il nero, qualche volta. E' il grigio che proprio non sopporto: il grigio che non trova un sorriso e che si sente tanto elegante.


Riparto da qui: dai tanti colori cui mi sono sentita affine in questi giorni, dai fili di ordito che sono solidi e brillanti, dalle prospettive di disegni futuri. Accetto il fatto che ci sarà ancora chi non comprenderà il mio entusiasmo, chi criticherà i miei disegni e chi non avrà la forza di accettare il mio giallo. Qualcuno cercherà ancora di passarmi in lavatrice a 90 gradi, ma ormai ho capito che non stingo e non mi restringo.
 


Riparto da un tappeto colorato e dalle persone speciali che hanno aspettato finora per vedere le loro foto nel mio blog. Riparto da abbracci di anime piene e dalle tante trame vive e in costruzione. Chi ha paura del giallo può sempre scappare in un altro telaio e non per questo sarà meno importante per me!