La biblioteMaira sta leggendo

sabato 18 giugno 2011

Frullar d'ali

Finalmente ha smesso di piovere 24 ore al giorno (piove solo il pomeriggio: un lusso!) e i miei gerani si stanno riprendendo dall'affogamento. Questa mattina mentre li curavo è arrivato un ospite che tutti gli anni mi fa compagnia e mi riempie di reverenziale stupore: un colibrì. Ho provato a fotografarlo, ma l'unica cosa che ho ottenuto è questa chiazza sfocata:



Si muove a una velocità tale che è impossibile immortalarlo...soprattutto per una fotografa come me che ha già i suoi bei problemi di messa a fuoco quando i soggetti sono immobili! Ecco com'è il mio piccolo amico in una foto che ho trovato in internet: è un gioielllino di perfezione rinchiuso in 3 o 4 centimetri; batte le alette come un frullatore e riesce a gravitare in aria per succhiare il nettare dei fiori; vaga nervoso da un fiore all'altro, come se non volesse perdersi nulla di quello che la natura può offrirgli. A bocca aperta lo ammireremo per tutta l'estate...felici che esistano dei piccoli miracoli che nessuna tecnologia potrà mai eguagliare.

4 commenti:

  1. Penso sia proprio impossibile fotografare il colibrì con "mezzi normali"! Goditi il tuo piccolo amico, noi lo immaginiamo. Ciao, Laura

    RispondiElimina
  2. Possibile? Un colibrì!?! Che bello! pensavo fosse un uccello di altre latitudini!
    io abito a Torino e anche a me piace osservare quel po' di natura che nonostante tutto riesce a sopravvivere: che gioia scorgere un pettirosso nel giardino della scuola o scoprire delle cince che si inseguono sulle cime degli alberi nella piazza trafficata!

    RispondiElimina
  3. Io sono felicemente sorpresa che ci sia ancora qualcuno che capta questi piccoli miracoli, mi sembrano tutti attenti ai suv, alle griffe, centri commerciali perdendosi così questi momenti di vera felicità.

    RispondiElimina
  4. Cara Tartamaca, io sono appassionata nel mio picolo di natura, animali ecc.ecc. e questa faccenda del colibrì mi ha incuriosita molto....e cosa scopro? Che il colibrì non vive in Italia allo stato naturale...e allora come si spiega la tua visione?
    Esiste la cosiddetta falena colibrì che è probabilmente l'animaletto che ha visitato i tuoi fiori. Puoi veirificare qui:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Macroglossum_stellatarum
    ciao!!!

    RispondiElimina